Il progetto mira prevenire e combattere la criminalità organizzata transfrontaliera e i casi connessi di corruzione con implicazioni transfrontaliere, nonché di smantellare le organizzazioni criminali coinvolte nel traffico illecito verso l’Unione Europea.
Sono coinvolti, oltre all’Italia, i paesi dei Balcani occidentali, quali Serbia, Montenegro, Ex Repubblica Yugoslava di Macedonia, Bosnia-Herzegovina, Kosovo* ed Albania.

* Tale designazione non reca pregiudizio rispetto alle posizioni sullo status, ed è in linea con la Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 1244/1999 e il Pronunciamento della Corte Internazionale di Giustizia sulla Dichiarazione di indipendenza del Kosovo.